PRENOTA ORA

“Il sorriso è una curva che raddrizza tutto” (Cit. Phillys Diller)

L’Ortopanoramica (OPT), è l’unico esame radiografico in odontoiatria che consente di
ottenere in un’unica immagine la visione completa e dettagliata sia delle arcate dentarie
superiore ed inferiore sia delle ossa della bocca. Si tratta di una tecnica che assume
particolare significato diagnostico dal momento che offre una visione eccellente della
struttura ossea. Infatti, ciò che distingue l’OPT da una semplice radiografia è l’incapacità di
quest’ultima di fornire immagini dettagliate delle mascelle. In entrambi i casi, vengono
utilizzati radiazioni ionizzanti ma il metodo è completamente diverso: un ortopantomografo
è appositamente costruito in modo che ruoti intorno al cranio del paziente, fornendo così
una visione più completa della struttura della parte inferiore del massiccio facciale.

QUANDO È UTILE RICORRERE ALL’ORTOPANORAMICA?

L’ Ortopanoramica è un esame che si rivela utile in molte condizioni, nello specifico ogni
volta che si ha la necessità di avere una visione d’insieme di ossa e strutture adiacenti per
diagnosticare un’ampia varietà di condizioni tra cui: foci infiammatori, infezioni, carcinomi,
anomalie congenite, valutazione pre e post impianto e traumi. Più in generale l’OPT ha il
pregio di apportare diversi benefici per una visione ottimale del cavo orale. Possono
appellarsi a questa metodologia diagnostica dentisti generici, ortodontisti, chirurghi orali, e
ontotecnici/imlantologi.
L’esecuzione di una OPT si rivela molto utile qualora si abbia la necessità di pianificare
interventi chirurgici e manipolazioni dentali.

UN ESAME SEMPLICE E POCO INVASIVO

Si tratta di un esame di facile esecuzione in cui il tubo radiografico ruota intorno alla testa
del paziente e allo stesso tempo ruota anche la cassetta radiografica. Prima
dell’esecuzione di una OPT i pazienti sono invitati a rimuovere eventuali orecchini, gioielli,
forcine, occhiali, dentiere o apparecchi ortodontici che potrebbero interferire con la riuscita
dell’esame. La procedura e i movimenti delle attrezzature vengono spiegati con cura e se
necessario viene fatta una simulazione di prova ( ovvero senza l’utilizzo di radiazioni) per
mostrare i movimenti della macchina.
L’esame dura all’incirca 1 minuto ed è di fondamentale importanza che il paziente
mantenga la stessa posizione in modo da evitare sfocature sull’ immagine finale. Durante
l’esame ortopantomografico, il paziente è in piedi, con il mento alloggiato su un apposito
supporto e la fronte e le tempie mantenute in posizione da supporti, mentre le mani
impugnano due apposite maniglie.
L’esecuzione della panoramica dentale prevede anche l’inserimento di un piccolo supporto
di plastica nella bocca, che dovrà essere stretto tra le due arcate dentarie per pochi
secondi, come indicato dall’operatore. Tale accortezza assicura la corretta posizione e
l’immobilità della testa durante l’esame.
A differenza di altri esami maggiormente invasivi, l’esposizione ai raggi x è molto bassa
dal momento che sono sufficienti pochi secondi per avere un’immagine ben definita e
completa delle arcate dentali.

COSA È POSSIBILE VEDERE CON L’ORTOPANORAMICA?

L’ OPT consente di rintracciare tantissime alterazioni patologiche, fornisce inoltre una
visione dei condili mandibolari che può essere di aiuto per chiarire se siano necessari o
meno ulteriori esami.
Di seguito sono elencate le principali patologie in cui l’OPT risulta necessaria per la
diagnosi:
• Carie primarie o recidive
• Patologie otorinolaringoiatriche: come malattie del seno mascellare (soprattutto
delle parti basali), fratture della mandibola, calcolosi salivari (sialolitiasi), tumori del cavo orale
che invadono la mandibola, tumori ossei e anomalie facciali
• Granuloma apicale, che è un’infiammazione abbastanza frequente, se presente l’
ortopanoramica permette di verificare se invade la corticale ossea.

PASSAGGIO DALL’ANALOGICO AL DIGITALE

Presso il nostro Centro è presente un’ortopantomografo che sfrutta la tecnica digitale, la
più moderna ed efficace attualmente disponibile. Di seguito sono riportati i vantaggi della
tecnologia digitale rispetto a quella analogica:
• Riduzione della dose di radiazioni al paziente
• Minor numero di esami ripetuti
• Immagini immediatamente visualizzabili

• Software in grado di migliorare le immagini
• Possibilità di inviare le immagini prodotte ad altri professionisti e agli stessi pazienti.