La Magnetoterapia è una tecnica riabilitativa che sfrutta i benefici dei campi magnetici a scopo curativo e riabilitativo. In condizioni di salute le nostre cellule presentano una determinata carica elettrica che viene alterata in caso di condizioni patologiche,  ciò è responsabile del dolore e dell’infiammazione che si verificano in seguito ad un danno al nostro organismo. La Magnetoterapia, grazie all’azione dei campi magnetici è in grado di ristabilire l’equilibrio biochimico della cellula, ripolarizzandone la carica e ripristinando il suo corretto funzionamento. Le onde utilizzate in Magnetoterapia sono onde a bassa frequenza, che non irradiano il paziente e risultano pertanto innocue.

La Magnetoterapia agisce prevalentemente sulla circolazione sanguigna, sui muscoli e sulle ossa, apportando importanti benefici che sono riassumibili in:

  • Aumento dell’azione antinfiammatoria
  • Effetto analgesico/antidolorifico
  • Aumento della resistenza e della mineralizzazione ossea
  • Accelerazione nella calcificazione delle fratture
  • Aumento dell’irrorazione vascolare e della velocitĂ  del flusso sanguigno
  • Accelerazione della guarigione di ferite, piaghe e altre lesioni a carico dei tessuti molli
  • Miglioramento del metabolismo della cute
  • Svolgimento di un’azione antinvecchiamento sui tessuti.


PRENOTA ORA

A differenza delle terapie tradizionali il trattamento con Magnetoterapia è sicuro ed efficace, non è tossico per l’organismo, non ha effetti collaterali, non provoca fastidio o dolore e risulta comodo da effettuare.

Quali condizioni possono essere trattate grazie alla Magnetoterapia?

La Magnetoterapia è utilizzata come coadiuvante in tutti i disturbi di tipo infiammatori, reumatici e articolari ed è inoltre utilizzata per trattare le ulcere di ogni tipo. Le patologie che possono essere curate grazie a tale tecnica sono:

  • Artrosi
  • Artrite
  • Fratture
  • Lombalgie
  • Ernia del disco
  • Osteoporosi
  • Dolori muscolari
  • Distorsioni
  • Ulcere da decubito
  • Edema
  • Formicolii e trattamento del tunnel carpale.

Per essere efficaci, le applicazioni di onde elettromagnetiche devono avere una durata di circa 30 minuti e devono essere praticate quotidianamente per un periodo che va dai 15 ai 30 giorni, fino ai 4-5 mesi ( nei casi di ritardi nella consolidazione di fratture) a seconda del disturbo da trattare. I primi benefici iniziano a vedersi dopo l’applicazione di alcune sedute.

Sono presenti controindicazioni all’esecuzione di una Magnetoterapia?

La Magnetoterapia rappresenta una procedura sicura ed innocua, tuttavia non possono sottoporsi a sedute di Magnetoterapia le donne in gravidanza, i soggetti in età evolutiva (infatti è necessario che lo scheletro abbia completato la sua fase di sviluppo), i portatori di pacemaker, impianti cocleari e altre apparecchiature elettromedicali (le onde magnetiche potrebbero interferire con il loro corretto funzionamento), i pazienti con patologie neoplastiche in atto o pregresse (potrebbe esserne accelerato lo sviluppo). Inoltre la Magnetoterapia potrebbe avere effetti  vasodilatatori e, per tale motivo, viene sconsigliata in caso di disturbi ematologici o vascolari, insufficienza coronarica, alterazioni funzionali organiche, iperfunzione tiroidea, alcune malattie infettive, epilessia, psicopatologie e sindromi endocrine.